Questa mattina al via il progetto di cooperazione transfrontaliera RE.CO.RD.

Oggi, 31 luglio 2018 presso l’hotel I Basiliani di Otranto, si è svolto l’incontro di lancio del progetto di cooperazione transfrontaliera “RE.CO.RD REcycling strategies for the COastal sustainable waste management towards R&D Innovation”, finanziato per 887.187,45 euro dal Programma Interreg V-A Grecia–Italia 2014-2020, a valere sulla prima call.
Capofila del progetto è il Comune di Otranto. I partner italiani sono l’Università del Salento e il Comune di Santa Cesarea Terme, mentre partner greci sono il Comune di Lefkada e l’Istituto di Educazione Tecnologica dell’Epiro – Conto speciale per fondi di ricerca.
Il progetto RE.CO.RD, finanziato sull’Asse 2 “Gestione integrata dell’Ambiente”, intende sperimentare nuove soluzioni per il riciclaggio dei rifiuti che si producono sulla costa, a causa della elevata presenza di attività turistiche ed economiche. L’obiettivo è ridurre l’impatto ambientale e l’inquinamento del mare attraverso l’introduzione di nuove tecnologie finalizzate al riciclaggio di materie plastiche.
Grazie al progetto Re.co.rd. verranno realizzati due prototipi sperimentali per la raccolta, la pesatura di rifiuti solidi e il riciclaggio di materiale plastico, che, attraverso l’uso di una tecnologia innovativa e delle stampanti in 3D, verrà trasformato da rifiuto ad un nuovo prodotto, pronto per essere riusato. Saranno realizzate sulle spiagge 6 azioni dimostrative per testare i prototipi al fine di coinvolgere attivamente la popolazione nelle attività del progetto e per sensibilizzare la comunità locale alla gestione sostenibile dei rifiuti.
Il progetto promuoverà un modello di uso sostenibile delle coste attraverso strategie condivise tra la Puglia e la Grecia per la gestione dei rifiuti, rendendo i siti di balneazione in grado di contribuire alla salvaguardia e alla valorizzazione degli ecosistemi costieri.

“Sarà una sperimentazione innovativa in materia di raccolta e recupero di rifiuti costieri – spiega il sindaco Pierpaolo Cariddi – legata alla cooperazione transfrontaliera del Programma Interreg Grecia-Italia. Nel ruolo di capofila, infatti, coordineremo le attività del progetto mirando, soprattutto, alle buone pratiche. Tutti insieme, quindi, realizzeremo azioni per preservare e mantenere le risorse naturali, a vantaggio nostro e delle generazioni future. Riutilizzare e valorizzare i rifiuti, come la plastica in questo caso, contribuirà a restituirci e conservare un ambiente “naturalmente” più ricco. Il progetto RE.CO.RD coinvolgerà direttamente la comunità, i giovani, le scuole, perché solo una corretta informazione può innescare processi virtuosi per cambiare rotta verso la salvaguardia del nostro territorio, delle nostre coste, del nostro pianeta”.

Al via il progetto di cooperazione RE.CO.RD.

Si è svolto l’incontro di lancio del progetto di cooperazione transfrontaliera “RE.CO.RD REcycling strategies for the COastal sustainable waste management towards R&D Innovation”, finanziato per 887.187,45 euro dal Programma Interreg V-A Grecia–Italia 2014-2020, a valere sulla prima call.

Capofila del progetto è il Comune di Otranto. I partner italiani sono l’Università del Salento e il Comune di Santa Cesarea Terme, mentre partner greci sono il Comune di Lefkada e l’Istituto di Educazione Tecnologica dell’Epiro – Conto speciale per fondi di ricerca.
Il progetto RE.CO.RD, finanziato sull’Asse 2 “Gestione integrata dell’Ambiente”, intende sperimentare nuove soluzioni per il riciclaggio dei rifiuti che si producono sulla costa, a causa della elevata presenza di attività turistiche ed economiche. L’obiettivo è ridurre l’impatto ambientale e l’inquinamento del mare attraverso l’introduzione di nuove tecnologie finalizzate al riciclaggio di materie plastiche.

Grazie al progetto Re.co.rd. verranno realizzati due prototipi sperimentali per la raccolta, la pesatura di rifiuti solidi e il riciclaggio di materiale plastico, che, attraverso l’uso di una tecnologia innovativa e delle stampanti in 3D, verrà trasformato da rifiuto ad un nuovo prodotto, pronto per essere riusato. Saranno realizzate sulle spiagge 6 azioni dimostrative per testare i prototipi al fine di coinvolgere attivamente la popolazione nelle attività del progetto e per sensibilizzare la comunità locale alla gestione sostenibile dei rifiuti.

Il progetto promuoverà un modello di uso sostenibile delle coste attraverso strategie condivise tra la Puglia e la Grecia per la gestione dei rifiuti, rendendo i siti di balneazione in grado di contribuire alla salvaguardia e alla valorizzazione degli ecosistemi costieri.

“Sarà una sperimentazione innovativa in materia di raccolta e recupero di rifiuti costieri – spiega Pierpaolo Cariddi, sindaco di Otranto – legata alla cooperazione transfrontaliera del Programma Interreg Grecia-Italia. Nel ruolo di capofila, infatti, coordineremo le attività del progetto mirando, soprattutto, alle buone pratiche. Tutti insieme, quindi, realizzeremo azioni per preservare e mantenere le risorse naturali, a vantaggio nostro e delle generazioni future. Riutilizzare e valorizzare i rifiuti, come la plastica in questo caso, contribuirà a restituirci e conservare un ambiente “naturalmente” più ricco. Il progetto RE.CO.RD coinvolgerà direttamente la comunità, i giovani, le scuole, perché solo una corretta informazione può innescare processi virtuosi per cambiare rotta verso la salvaguardia del nostro territorio, delle nostre coste, del nostro pianeta” (Pierpaolo Cariddi).

Nel servizio video, a cura di Flavio De Marco, i soggetti capofila spiegano l’intero progetto.

Fonte: Corriere Salentino

3rd Partnership Meeting of the RE.CO.RD project

3rd Partnership Meeting of the RE.CO.RD project

18 and 19 July 2019

“Palace” Hotel | SANTA CESAREA TERME

Sharing the general status of the general work of RE.CO.RD – REcycling strategies for the COastal sustainable waste management towards R&D Innovation, an interesting project funded by the 1st call for ordinary Interreg projects V-A Greece-Italy 2014-2020.

This is a summary of the mission of the 3rd Partnership Meeting organized on two days,  18 and 19 July, scheduled in Santa Cesarea Terme, at “Palazzo” hotel. A profitable and certainly productive moment in which the progress of the activities on this site will be jointly evaluated, whose purpose – as planned – is the reduction of the environmental impact of economic activities linked to the exploitation of coastal areas.

The presence of the project coordinators for all the Partners will prove to be fundamental as usual.

In fact, it is a recurring appointment that is renewed quarterly and during which the organization is entrusted to one of the partners and, therefore, carried out in different sites.

In this regard it is recalled that the partners involved are: Municipality of Otranto – Lead Partner, University of Salento Municipality of Santa Cesarea Terme, Municipality of Lefkada and University of Ioannina Special Account for Research Funds. The occasion will also be propitious to establish the next medium-term objectives, but also to discuss the effectiveness of the methodologies adopted so far and, if necessary, reformulate them based on new programmatic requirements It is recalled, more generally, that the project is part of a Territorial Cooperation Program that promotes cross-border growth strategies aimed at improving the quality of life in the regions involved. It is part of the Specific Objective 2.3 of the Program: Development and testing of innovative technologies / tools for reducing marine and air pollution. Therefore, during the meetings on Thursday 18 and Friday 19 July at the center of reflection between the partners there will be a first assessment of what has been done on the promotion in order to safeguard and improve the conditions of the coastal ecosystem in question.

Kick-off meeting of Record project: new recycling solutions for the management of coastal waste

The kick-off meeting of the project RE.CO.RD “REcycling strategies for the COastal sustainable waste management towards R&D Innovation” was held on 31st July 2018 in Otranto (Basiliani CDSHotels).

The Municipality of Otranto is the Lead Partner of the project that involves two Italian partners, the University of Salento and the Municipality of Santa Cesarea Terme, and two Greek partners, the Municipality of Lefkada and the Technological educational institute of Epirus – Special account for research funds.

The project RE.CO.RD, funded under Priority Axis 2 – Integrated Environmental Management, with a budget of 887.000,00 euro, aims to experiment with new recycling solutions for the waste produced on the coast, due to the high presence of tourists and economic activities. The main goal is to reduce the environmental impact of the sea pollution through the introduction of new technologies that reuse plastic materials.

Thanks to the RE.CO.RD project, two innovative prototypes for the collection, weighing of solid waste and the recycling of plastic material will be created through the use of  3D printers: they will transform the plastic from waste to a new product, ready to be reused.

Moreover, 6 demonstrative actions will be organized on the beaches in order to test the prototypes, to involve the citizens and to make aware the local community of the sustainable waste management.

Finally, the project will promote a cross-border model of sustainable use of the coasts through a common and shared strategy for the waste management between Puglia and Greece that will contribute to the safeguard of the coastal ecosystem.

“It will be an innovative experimentation in the collection and reuse of coastal waste” – explains Pierpaolo Cariddi, Mayor of Municipality of Otranto.   The project partners will together implement the project activities to preserve the natural resources, for our own benefit and for the future generations. The project will involve the local community, young people and schools because only a good training can trigger virtuous processes of changing,  focused on the protection of the environment and the coasts”

Riciclo e stampanti 3D: l’alleanza italo greca contro i rifiuti in mare

I comuni della costa pugliese e quelli greci lanciano un progetto di cooperazione.

Italia Grecia si alleano per riciclare i rifiuti costieri utilizzando le stampanti 3D. È il progetto RE.CO.RD (REcycling strategies for the COastal sustainable waste management towards R&D Innovation), un’iniziativa di cooperazione transfrontaliera che vede Otranto come comune capofila, con la collaborazione dell’Università del Salento e del comune di Santa Cesarea Terme. Dall’altra sponda dell’Adriatico, i partner greci sono il Comune di Lefkada e l’Istituto di Educazione Tecnologica dell’Epiro – Conto speciale per fondi di ricerca.

Il progetto RE.CO.RD ha ottenuto un finanziamento di oltre 887 mila euro dal Programma Interreg V-A Grecia–Italia 2014-2020, a valere sulla prima call, iniziativa di cooperazione territoriale che ha come obiettivo principale la definizione di una strategia di crescita transfrontaliera tra la Puglia e la Grecia, finalizzata allo sviluppo di un’economia dinamica basata su sistemi smart, sostenibili e inclusivi per migliorare la qualità della vita dei cittadini di queste regioni.

Nel dettaglio, l’obiettivo del progetto è testare soluzioni innovative per il riciclo dei rifiuti che si producono sulle rispettive coste, in particolare le materie plastiche.

Per questo motivo, l’alleanza italo greca realizzerà due prototipi sperimentali per la raccolta, la pesatura dei rifiuti solidi e il riciclo del materiale plastico. Il materiale raccolto verrà fuso e grazie alle stampanti 3d sarà trasformato in nuovi prodotti.

Oltre alla ricerca della soluzione tecnologica più efficace per risolvere il problema dell’inquinamento marino e costiero, sono previste sei azioni dimostrative nelle spiagge per sensibilizzare la comunità locale e incoraggiare una migliore gestione dei rifiuti. Il tutto si inquadra nella promozione di un modello di uso sostenibile delle coste attraverso strategie condivise tra la Puglia e la Grecia, rendendo i siti di balneazione in grado di contribuire alla salvaguardia e alla valorizzazione degli ecosistemi costieri.

OTRANTO, RIFIUTI COSTIERI: AL VIA IL PROGETTO DI COOPERAZIONE RE.CO.RD.

Oggi, 31 luglio 2018 presso l’hotel I Basiliani di Otranto si è svolto l’incontro di lancio del progetto di cooperazione transfrontaliera RE.CO.RD REcycling strategies for the COastal sustainable waste management towards R&D Innovation finanziato per 887.187,45 euro dal Programma Interreg V-A Grecia–Italia 2014-2020, a valere sulla prima call. Capofila del progetto è il Comune di Otranto. I partner italiani sono l’Università del Salento e il Comune di Santa Cesarea Terme, mentre partner greci sono il Comune di Lefkada e l’Istituto di Educazione Tecnologica dell’Epiro – Conto speciale per fondi di ricerca. Il progetto RE.CO.RD, finanziato sull’Asse 2 “Gestione integrata dell’Ambiente”, intende sperimentare nuove soluzioni per il riciclaggio dei rifiuti che si producono sulla costa, a causa della elevata presenza di attività turistiche ed economiche. L’obiettivo è ridurre l’impatto ambientale e l’inquinamento del mare attraverso l’introduzione di nuove tecnologie finalizzate al riciclaggio di materie plastiche. Grazie al progetto Re.co.rd. verranno realizzati due prototipi sperimentali per la raccolta, la pesatura di rifiuti solidi e il riciclaggio di materiale plastico, che, attraverso l’uso di una tecnologia innovativa e delle stampanti in 3D, verrà trasformato da rifiuto ad un nuovo prodotto, pronto per essere riusato. Saranno realizzate sulle spiagge 6 azioni dimostrative per testare i prototipi al fine di coinvolgere attivamente la popolazione nelle attività del progetto e per sensibilizzare la comunità locale alla gestione sostenibile dei rifiuti. Il progetto promuoverà un modello di uso sostenibile delle coste attraverso strategie condivise tra la Puglia e la Grecia per la gestione dei rifiuti, rendendo i siti di balneazione in grado di contribuire alla salvaguardia e alla valorizzazione degli ecosistemi costieri. “Sarà una sperimentazione innovativa in materia di raccolta e recupero di rifiuti costieri – spiega Pierpaolo Cariddi, sindaco di Otranto – legata alla cooperazione transfrontaliera del Programma Interreg Grecia-Italia. Nel ruolo di capofila, infatti, coordineremo le attività del progetto mirando, soprattutto, alle buone pratiche. Tutti insieme, quindi, realizzeremo azioni per preservare e mantenere le risorse naturali, a vantaggio nostro e delle generazioni future. Riutilizzare e valorizzare i rifiuti, come la plastica in questo caso, contribuirà a restituirci e conservare un ambiente “naturalmente” più ricco. Il progetto RE.CO.RD coinvolgerà direttamente la comunità, i giovani, le scuole, perché solo una corretta informazione può innescare processi virtuosi per cambiare rotta verso la salvaguardia del nostro territorio, delle nostre coste, del nostro pianeta” (Pierpaolo Cariddi).

Fonte: jotv